Come proteggere il boiler dalla corrosione

Protezione dei boiler con il metodo ‘sacrificale’

Barra di Magnesio nuova per la protezione della custodia del boiler a confronto con una barra usata

Questo metodo si basa sul principio che i metalli che sono superiori al ferro nella serie della reattività reagiranno loro al processo di ossidazione e in tal modo il metallo sacrificale si corrode e il ferro del boiler è protetto.

I Metalli usati generalmente come protettori con questo metodo sono Zinco e Magnesio ma nei boiler si una solo il Magnesio.

Nelle navi, per esempio, barre di zinco o magnesio sono attaccate alla base di ferro della nave che è a contatto con l’acqua e l’ossigeno dall’aria. In tal modo si previene la ruggine del fondo della nave poiché zinco o magnesio sono quelli che vengono corrosi.

Processo analogo avviene nei boiler ove il fabbricante ha avuto cura di applicare al suo interno questo dispositivo.

Queste barre devono essere sostituite dopo un certo numero di anni per cui vale la pena, almeno ogni due anni procedere ad un controllo della sua integrità.

L’immagine sopra mostra una barra sacrificale di Magnesio nuova con a fianco una barra che ha lavorato 3 anni

Nella barra usata si possono osservare de piccoli crateri che la fanno assomigliare al classico formaggio rosicchiato dai topi.

Tali crateri sono la prova evidente del lavoro che svolge la barra di Magnesio che si consuma (sacrifica) lei lasciando integre le pareti dei boiler.

L’altro elemento chiave del boiler é la resistenza elettrica su cui non si accanisce l’ossido ma il calcare.

Esistono dei metodi per allungare la vita della resistenza resistenza elettrica del boiler, cliccare qui per saperne di più.